NON VOGLIAMO IL PD IN MEZZO AI PIEDI

Roma, 21 marzo 2018

E’ primavera oggi, ma se non sono rose non fioriranno.
Non ci vuole molto per capire che un governo col PD sarebbe un grosso passo falso per il M5S.

Perchè:

1. Per 5 lunghi anni malgrado l’affermazione del M5S alle politiche 2013 il PD non ha riconosciuto la presenza di un avversario così importante, oltre ad aver basato tutte le campagne elettorali e pre elettorali sull’insulto.

2. Le diatribe interne al PD renderebbero l’accordo di governo instabile con potenziali ribaltoni e sfiducie.

3. Le divergenze sulle idee sono incolmabili, M5S si presenta come una forza di sinistra ma con l’ostinazione e la rigidità (utile in questo momento storico) della Destra, e il PD non è una forza di sinistra, avendo legiferato per anni contro i lavoratori e le piccole medie imprese.

Quindi o accordo con Lega (che propone un programma trasversale discretamente compatibile) con governo a guida Pentastellata e Di Maio primo ministro o in alternativa di nuovo alle urne verso il 40 per cento!

Il Drago

Facebook commenti
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *